mercoledì 20 luglio 2011

Presentazione Isana Chivasso Rugby Stagione 2011 2012

Isana Rugby Club ASD

La nostra società è stata fondata a Crescentino nel febbraio 2008 da un piccolo gruppo di giocatori di rugby che hanno deciso di smettere di fare chilometri per poter praticare il loro sport preferito, e creare quindi un club sul loro territorio. Per un anno abbiamo cercato un campo di gioco, fino a che non siamo approdati a Busignetto di Verolengo (To), a qualche chilometro da Chivasso (To).

Ci siamo allenati con costanza e abbiamo partecipato a diversi tornei amichevoli fino a che, nel settembre 2009, siamo riusciti ad iscrivere la squadra Seniores al Campionato regionale piemontese di Serie C.

La Prima squadra ha partecipato al Campionato regionale piemontese territoriale di Serie C per il secondo anno di fila, qualificandosi sesta su dieci squadre.
Nell’estate 2010 abbiamo preso parte a tre tornei internazionali con squadre francesi ed irlandesi, oltre ad un torneo di touch rugby con giocatori della Nazionale Italiana di Rugby, esperienze che verranno ripetute. Nel giugno 2011 siamo stati a giocare in Francia, gemellandoci con la squadra de La Vepillière, vicino a Lione.

Fino ad ora è stato fatto tanto: siamo riusciti ad avere due lotti di maglie per i Seniores, abbiamo partecipato a sagre, fiere, manifestazioni locali con banchetti informativi e dimostrazioni di gioco, abbiamo portato nelle scuole e nei centri estivi il nostro sport. Tutto questo ha portato alla nascita del settore giovanile come Chivasso Rugby Onlus.

Chivasso Rugby Onlus

Dall’incontro con le realtà sociali del territorio e dall’interesse di alcuni nostri giocatori e tesserati, nella primavera del 2010 è nata l’idea di creare qualcosa per portare il rugby davvero a tutti.
Seguendo l’esempio di alcune realtà gallesi con le quali siamo in contatto, abbiamo deciso di fondare la prima società italiana di “rugby integrato”, sarebbe a dire aperto anche a tutti coloro (bambini, ragazzi ed adulti) che vivano situazioni di disagio, difficoltà fisiche, di apprendimento, relazionali, fino all’handicap.
Abbiamo trovato il sostegno dell’AslTo4 e della NPI di Santhià e di Chivasso, di una realtà fortemente attenta al sociale come il CEMEA e dei Circoli didattici. La nostra idea è quella di favorire l’integrazione sociale e la comprensione delle differenze attraverso la pratica sportiva, iniziando proprio dalle giovanili, facendo leva non sulle disabilità che ci dividono, ma sulle abilità che ci uniscono.

Attualmente il Chivasso Rugby Onlus è il nome sotto il quale agiscono le giovanili dell’Isana. Alcuni dei nostri piccoli tesserati ci sono stati segnalati dal Servizio Sanitario e dagli esperti che li seguono. Possiamo dire, nella nostra breve sperimentazione ed esperienza, di avere ottenuto risultati sorprendenti che smentiscono la maggior parte dei luoghi comuni sul rugby.

Purtroppo, per motivi logistici legati alla minore età, ci farebbe comodo poter disporre di un campo d’allenamento su Chivasso, opportunità per la quale stiamo lavorando ma che – al momento – la politica non sta favorendo. Siamo certi che con questa facilità di accesso e la maggiore visibilità il movimento si incrementerebbe quasi in maniera automatica.

Nonostante questo, per la stagione sportiva 2011/12, i nostri tesserati si uniranno alle forze del Volpiano Rugby, per poter iscrivere tutte le categorie ai rispettivi campionati federali. La collaborazione con il Volpiano, pensata in un’ottica a lungo termine, significa poter creare sinergie e dinamiche positive per aumentare la copertura del territorio verso il Canavese e ampliare la nostra visibilità, le nostre competenze e l’offerta di rugby ai ragazzi.

Collaborazioni con altre società di rugby

Abbiamo ottimi rapporti con le società di rugby piemontesi e non, in particolar modo con: Ivrea, San Mauro, Settimo Torinese, Biella, Rivoli, Acqui Terme, Asti, Lecco, Piacenza, La Spezia. Quest’anno abbiamo aderito con entusiasmo alla proposta degli Aironi (una delle due franchigie che rappresentano l’Italia nella Celic League) di far parte del loro progetto, contribuendo a lavorare per selezionare e far crescere i migliori talenti della nostra zona. Siamo inoltre gemellati con la società francese della cittadina di La Verpillère, a 20 chilometri da Lione.

Le categorie

Attualmente abbiamo una squadra Seniores regolarmente iscritta al campionato ed un folto gruppo di giocatori Juniores, con età che vanno dai 10 ai 17 anni.

La squadra di Serie C inizia a dare ottimi risultati, con prestazioni inaspettate e con un coinvolgimento ed una partecipazione di un discreto numero di tesserati (oltre 40), giocatori ed appassionati che seguono la squadra sia durante le partite in casa che in trasferta.
Il territorio sui cui si svolge il Campionato di Serie C è molto vasto: le città più lontane sono infatti Novara, Aosta, Saluzzo, Acqui Terme, ma a seconda degli anni si può arrivare fino alla Lombardia o alla Liguria.

La collaborazione con il Volpiano ci permetterà di iscrivere le squadre giovanili Under 14, Under 16 ed Under 18, e di far giocare tutti, bambine e bambini dagli 8 ai 12 anni.
Il Chivasso Rugby continuerà a percorrere in autonomia il suo cammino nelle scuole della Provincia di torino e di Vercelli, forte dei suoi successi e delle sue potenzialità.

Le spese

La totalità delle spese viene coperta dalle quote sociali degli iscritti e dalla vendita di materiale che produciamo per i nostri tesserati, come magliette, giubbotti, cappellini, tute, etc., acquistati sia con i soldi delle quote sociali sia grazie all’interessamento sporadico di qualche attività commerciale della zona.

Le nostre due società hanno in gestione il campo sportivo di Busignetto di Verolengo, convertito in modo definitivo alla pratica del rugby.

Le spese di gestione vanno dalle bollette per le varie utenze quali gas, luce ed acqua (circa 2500 € annui), al materiale per il corretto svolgimento degli incontri casalinghi (materiale per tracciare le linee, bottiglie d’acqua, materiale per la pulizia, servizio medico, taglio dell’erba, piccola manutenzione, circa 150 € ad incontro, per un totale di 3000 € annui circa).

Al momento il trasporto degli atleti è a carico degli stessi, salvo qualche rimborso per le trasferte più lunghe e per rimborsi di vario genere, e raggiungono circa 1500 € euro l’anno.

Lo scorso anno 2010 abbiamo svolto tutte le nostre attività di club e gestione della struttura sportiva con una spesa di 13.000 €. Quest’anno, anche a causa dei lavori di ampliamento degli spogliatoi e di recinzione del campo di gioco (completamente autofinanziati e autorealizzati), prevediamo di dover far fronte ad un impegno più elevato.

Il materiale

Per il corretto svolgimento delle nostre attività abbiamo bisogno di varie attrezzature: palloni e materiale medico su tutti, con una spesa annua di 500 €.

A questo vanno ad aggiungersi le divise di gioco. I giocatori Seniores hanno due lotti di maglie, quello attualmente in uso offerto dal Busi Pub che si trova davanti al nostro campo di gioco, e quello dello scorso anno offerto dalla società di consulenze informatiche Synthesis3 di Torino.

Alle nostre tre giovanili mancano ancora i lotti per poterli fare giocare, al momento ci siamo accontentati di un lotto composto da maglie numerate Decathlon, ma risultano scomode e non propriamente adatte, o – in alternativa – quelle non usate dai grandi per le categorie Under 18 ed Under 16.

Un lotto da gioco costa mediamente 40 € a giocatore ed i lotti si fanno da 25, per un totale di circa 1000 €.

In estate partiremo con una squadra di touch rugby, disciplina che deriva direttamente dal rugby ma elimina tutte le situazioni di contatto come il placcaggio (rimpiazzate da tocchi con la mano) e che prevede la possibilità di avere squadre miste di 7 giocatori, composte da uomini donne e bambini, attività per la quale dobbiamo comprare le divise (circa 15€ a giocatore).

Progetti futuri

Oltre ad iscrivere 4 squadre ai vari campionati, le nostre socetà stanno lavorando su diversi progetti:

· Progetto Scuola: abbiamo già portato e porteremo il rugby nelle scuole medie e superiori del nostro territorio, intervenendo con dei piccoli corsi di avvicinamento al nostro sport (a Crescentino, Verolengo, Rondissone, Saluggia, Livorno Ferraris, Chivasso, etc.)
· Centri estivi: durante il periodo di luglio/agosto partecipiamo ai centri estivi per ragazzi facendogli giocare a rugby (lo scorso anno abbiamo lavorato a Chivasso, Rondissone, Verolengo e Saluggia e Saluzzo).
· Touch Rugby: variante del rugby a bassisimo contatto fisico per squadre miste donne, uomini e bambini, con la quale partecipare a campionati e tornei.
· Un Tocco di Azzurro: Lo scorso anno abbiamo partecipato ad un torneo di touch rugby in Valle d’Aosta dove era presente la Nazionale italiana. Ci siamo qualificati 4 su 16 squadre di tutta Italia.
· Rugby Integrato: il Chivasso Rugby, come partner del CEMEA (Centri di Esercitazione all’Educazione Attiva), sta già portando un “progetto-rugby educativo” nelle scuole medie della provincia di Torino. L’obbiettivo resta quello di creare una squadra di rugby integrato che possa favorire l’integrazione sociale e la pratica sportiva per ragazzi ed adulti con difficoltà fisiche e mentali.
· Sagre ed eventi vari: lo scorso anno abbiamo partecipato a varie manifestazioni, come la Stramangiando di Verolengo nella quale abbiamo gestito un punto di ristoro, e stiamo assiduamente partecipando a tutte le iniziative che si svolgono nei comuni vicini e che ci vedranno impegnati fino a settembre (feste dello sport, manifestazioni, giornate di festa…)

Dalla collaborazione con la casa editrice Abracabooks e l’agenzia fotografica Spin360, sta per vedere la luce un libro sul rugby di base, con prefazione di Vittorio Munari, che prevede la sua conclusione con un possibile finanziamento e conseguente diffusione da parte dei “main sponsor” della Nazionale Italiana; è allo studio la possibilità – per ora remota – di un incontro con la Nazionale stessa.

Visibilità

I mezzi di informazione locali sono molto interessati al nostro sport, possiamo garantire una discreta visibilità a chi decida di aiutarci, e siamo disponibili per valutare ogni richiesta (in allegato alcune idee):

· Siti web Isana e Chivasso: pubblicazione di articoli e banner pubblicitari sui nostri rispettivi siti.
· Volantinaggio: sui nostri volantini possiamo veicolare un messaggio o logo pubblicitario.
· Isana News: possiamo dare spazi e visibilità sul nostro giornalino informativo trimestrale.
· Loghi su divise: la Federazione di Rugby non pone limiti di loghi sulle nostre divise, possiamo metterli su calzettoni, pantaloncini e maglie.
· Loghi su gadget: produciamo vari gadget della nostra squadra, come cappellini, spallette, magliette, giacche a vento, tute, giubbotti, borse da gioco, etc.
· Striscioni pubblicitari: possibilità di mettere banner pubblicitari presso la nostra struttura.
· Denominazione delle squadre: la Federazione ci permette di associare il nome delle nostre squadre iscritte ai campionati con eventuali sponsor, come ad esempio “Sponsor Isana Rugby”, “BusiPub Isana Rugby”, etc.
· Televisione: durante una partita dell’Italia siamo stati ripresi più volte tra il pubblico e passiamo con regolarità sul programma sportivo del giovedì su Rete Canavese. Con modeste quote annuali è possibile entrare negli spazi autogestiti dalla stessa emittente, con cui siamo in contatto.

Contatti

Isana Rugby Club ASD
Via Rivetta 613040 Saluggia (Vc)
Sito Web: www.isanarugby.com
Telefono: 392.28.66.949
Fax: 0161486492

Chivasso Rugby Onlus
Via Mazzè 43/b
10034 Chivasso (To)
Sito Web: www.chivassorugby.com
Telefono: 392.28.66.949

Altre località piemontesi e comuni limitrofi: Cigliano, Livorno Ferraris, Moncrivello, Borgo D'Ale, villareggia, Mazze', Caluso, Montanaro, Brandizzo, Castagneto Po, San Sebastiano Da Po, Lauriano, Brusasco, Cavagnolo, Crescentino, Lamporo, Saluggia, Rondissone, Torrazza Piemonte.