venerdì 24 marzo 2017

Ordàlia

Leggi il post completo su  http://www.andreapancotti.com/wordpress/ordalia/

ordàlia (o ordalìa) s. f. [dal lat. mediev. ordalium, che è dall'ingl. ant. ordal «giudizio di Dio»; cfr. ted. Urteil «giudizio»; la pron. ordalìa è influenzata dal fr. ordalie]. – Termine nato nel medioevo europeo per indicare il «giudizio di Dio», e cioè ogni prova rischiosa (per es., del duello, dell'acqua bollente o fredda, del ferro rovente) alla quale veniva sottoposto un accusato, e il cui esito, considerato come diretta manifestazione della volontà divina, era determinante per il riconoscimento dell'innocenza o della colpevolezza dell'accusato stesso.


[amazon_link asins='8834008162,B00DOX978Q,B00F48LUPW,8494569929,B01GOPSN5S,B01N9TL8TI' template='CopyOf-ProductGrid' store='andreapancott-21' marketplace='IT' link_id='1fb1e66b-1075-11e7-b7c8-f58f8db45a02']




Io sto con Lele

Leggi il post completo su  http://www.andreapancotti.com/wordpress/io-sto-con-lele/

Oramai da parecchio tempo mi sono imbarcato in una nuova avventura, partecipare ad una lista civica per le elezioni comunali del 2017 del paesello dove sono cresciuto, Saluggia.


Volevo fare il punto della situazione, anche perchè rileggermi mi aiuta spesso a capirmi. E premetto, doverosamente, che questo post e' personalissimo, rispecchia me stesso e non altre persone.


Io sto con Lele (Emanuele Pedrazzini, il candidato sindaco della nostra lista Un'Altra Saluggia è Possibile) perchè di lui mi fido. E' dinamico, competente, ed ha davvero tanta voglia di far crescere il nostro Comune. E non solo, sto con Lele (e con Un'Altra Saluggia è Possibile) perchè il programma che stiamo creando e' davvero bellissimo.


Il nostro motto e': "Sostenibilità ambientale. Sostenibilità sociale.". E' un po come dire 42.


La "Sostenibilità Ambientale" ci serve per ridurre l'impatto ambientale, riducendo consumi e le spese: favorire gli spostamenti con mezzi alternativi (pista ciclabile), ridurre il consumo di suolo, riqualificare e ridare vita a quegli spazi ora abbandonati (far sparire l'ecomostro, sistemare Area Quaglino, finire Casa Miglietta, migliorare il consumo energetico degli edifici comunali), consolidare la situazione patrimoniale esistente (ad esempio le strutture sportive), potenziare la raccolta differenziata per ridurre la tassa rifiuti.


Con le risorse che vengono così liberate creeremo una "Sostenibilità sociale": servizi comunali più vicini al cittadino, una migliore attenzione delle fasce a rischio, maggiore supporto ai giovani ed agli anziani, creare lavoro "sociale" sul territorio, rinforzare il tessuto sociale, creato dalle associazioni, con un supporto più snello e mirato, lavorare con le imprese per mantenere ed aumentare i posti di lavoro, creare momenti di aggregazione e condivisione per la popolazione, aumentare l'offerta per il tempo libero (sport e cultura), etc...


Quindi inizio già a fare campagna per "Un'Altra Saluggia è Possibile" e non dimenticate di scrivere "PANCOTTI"!!! :D



 




martedì 14 marzo 2017

L'assistenza di Senza Fili Senza Confini...

Leggi il post completo su  http://www.andreapancotti.com/wordpress/lassistenza-di-senza-fili-senza-confini/

Qualche giorno fa all'assemblea dei soci di Senza Fili Senza Confini, volevo fare un intervento, poi pero' la timidezza e la soggezione mi ha fatto desistere...


Senza Fili Senza Confini e' un'associazione difficile da spiegare, si occupa di promuovere il territorio e ridurre il divario digitale nelle zone rurali, in pratica porta internet ad alta velocità a basso costo nelle zone del Monferrato (ed oltre!)


Il mio intervento voleva cominciare ricordando la presentazione dell'associazione nel mio comune, Saluggia, dove specificava che il servizio di assistenza non poteva competere con quello dei grandi provider come Telecom o Vodafone. In quel momento tutti hanno riso in sala.


Anche io mi sono messo a ridere, erano oramai sei mesi che litigavo con la Telecom per un servizio ADSL costoso e penoso, sicuramente peggio non poteva essere.


Infatti, dopo un anno, ho capito che l'assistenza tecnica di Senza Fili Senza Confini non era all'altezza degli altri provider, ma era tanto, ma tanto migliore e tempestiva. Ed il tutto a 80 euro l'anno per 10Mbps (in realtà quasi 12!) effettivi, illimitati.


"Chapeau" a Senza Fili Senza Confini e "chapeau" a Daniele Trinchero.


https://www.youtube.com/watch?v=sBr8M_gGviA


 


 




giovedì 9 marzo 2017

Saluggia, un paese scomodo

Leggi il post completo su  http://www.andreapancotti.com/wordpress/saluggia-un-paese-scomodo/

Faccio subito una premessa, questo articolo e' una serie di riflessioni, e potrebbe non coincidere con il mio pensiero (Santo Cielo!).


Tutto parte da una domanda che mi sono fatto mille volte, quale e' il motivo per cui vivo a Saluggia e per il quale consiglierei a qualcuno di venire a viverci? Per me Saluggia e' "comodo".


Io vivo a Saluggia perche' mio padre e' venuto a viverci, lavorava alla FIAT TTG (che poi ha cambiato mille nomi, il deposito nucleare) ed ha costruito la nostra casa qui, dove ho passato tutta la mia vita, e dove ho trovato il lavoro.


Poi pero' ho conosciuto mia moglie e ci siamo spostati, e valutando la distanza dai nostri rispettivi posti di lavoro, necessità logistiche, etc... ci siamo spostati a Santhià. Poi mio padre mancò, la ditta dove lavorava mia moglie fallì e la soluzione più intelligente e comoda e' stata quella di tornare a Saluggia.


Saluggia era "comoda", con il lavoro a 10 km, la casa di proprietà, l'asilo e le scuole a due passi.


Ecco, penso che il motivo per il quale una persona decida di rimanere in una zona o spostarsi e scegliere un nuovo comune di residenza sia la comodità, la vicinanza al lavoro ed i servizi offerti, legati ai mezzi di trasporto che permettono di raggiungerli con "comodità".


Lo scopo primario, quello di una amministrazione comunale, e' quello quindi di rendere un paese "comodo": opportunità di lavoro, facilità di insediamento di attività produttive e commerciali, facilità nello viabilità (e nel parcheggio!), facilità negli acquisti, facilità di accesso all'istruzione, facilità nell'utilizzo dei servizi comunali e servizi pensati a rendere "comoda" la residenza a Saluggia (occupare e gestire chi non e' in età lavorativa), etc...


Pensando così e non solo alle grandi opere pubbliche, forse (il condizionale è d'obbligo!) a Saluggia si potrebbe iniziare a smettere di vedere cartelli di case in vendita, sempre meno gente in giro ed in qualche modo sperare in una rinascita del nostro Comune.