venerdì 19 maggio 2017

#VOTAPANCOTTI

Leggi il post completo su  http://www.andreapancotti.com/wordpress/votapancotti/

Si, lo ammetto, usare un hashtag come #VOTAPANCOTTI sembra un po' uno sberleffo, però mi fa sorridere, e penso trasmetta bene l'energia e la voglia che ci metto in questa avventura.


Ebbene si, sono in lista come Consigliere Comunale per il comune dove vivo, Saluggia. Perchè lo faccio? Senza giri di parole, per motivazioni personali. Cerco di spiegare...


Oramai ho 44 anni, e purtroppo da circa 25 anni in poi i miei interessi mi hanno sempre portato fuori da Saluggia. Prima però no, a Saluggia si facevano un sacco di cose, di attività. Poi da circa il 1996, dopo la naja, ho iniziato a lavorare a Crescentino ed a giocare a rugby ad Ivrea. A Saluggia poco alla volta si faceva sempre meno e scoprivo che invece in giro c'era tanto da fare.


Poi con gli anni si matura, si cambia, si cresce. Si scoprono cose grandi e piccole della propria comunità e si vuole iniziare a farne parte attiva.


Per esempio, due dati che sembrano banali ma che ben rispecchiano il mio disappunto per come a Saluggia siano gestite in malo modo le cose. Quando il mio piccolo Sebastiano andava all'Asilo Nido Comunale la retta e' passata da 150€ a 250€ in un anno. Ho ancora la lettera dell'Assessore che diceva che non sarebbe aumentata. Il secondo dato, che puo' sembrare sciocco, e' sempre legato al mio Sebastiano, il suo buono pasto costa 4,5€ (e' vero che mangia tanto, ma non ha ancora 6 anni!), mentre nel comune di Cigliano e' di 3,5€.


Beh, molti diranno, sono scelte delle Amministrazioni, sono costi rivolti solo a chi ha figli, etc... Pero' queste persone non tengono mai conto del Nucleare (che paura!). Saluggia prende montagne di soldi perchè sul suo suolo c'e' un deposito di scorie nucleari "temporaneo" (che deve assolutamente essere bloccato e mandato via!), e quei soldi servono per compensare i cittadini del disagio.


Ma allora, come cavolo e' possibile che con tutti quei soldi, che servono a compensare noi cittadini del disagio, aumentino i servizi a domanda individuale e le tasse? Non dovremmo noi pagare nulla?


Vero che i soldi non possono darli direttamente e che devono essere usati solo per questioni "ambientali" (vincolo che comunque è cambiato e si può in qualche modo scavalcare), pero' con una gestione che sia più vicino al sociale ed alla sostenibilità, quello che non si puo' dare direttamente viene compensato da quello che si puo' dare indirettamente.


Da questo semplice ed utilitaristico pensiero, già nel 2012, ho iniziato ad interessarmi della vita politica saluggese. Ed un po' sono rimasto deluso, soprattutto perchè tutto sembra così "vecchio", un modo di fare politica basata sui mattoni, un modo di fare politica basato su quanti mattoni sono stati usati.


Penso sia ora di voltare pagina, il nostro logo lo rappresenta bene, voltiamo pagina, andiamo oltre, un'altra Saluggia è possibile!



Usiamo le risorse per Sostenibilità Ambientale, che ci permette di liberare fondi e risorse da investire poi nella Sostenibilità Sociale, che non vuole dire aiutare solo chi e' rimasto "indietro" (cosa comunque fondamentale nella società civile, nessuno escluso, nessuno abbandonato), ma anche e soprattutto creare nuovi servizi alla comunità e rafforzare quelli che già ci sono. E cono "servizi alla comunità" non intendo solo quelli erogati dai comuni, ma anche quelli forniti dalle Associazioni, vero fulcro e vita di una Comunità sana.


Da non dimenticare poi che il lavoro e' una condizione "sine qua non" per qualunque tipo di sostenibilità. Si deve investire prima di tutto su questo fronte, incentivando le aziende a restare sul territorio, a quelle nuove di insediarsi, ed aiutare chi voglia fare impresa.


Leggete il nostro programma elettorale e capirete di più.


Ricorda che nel segreto della cabina elettorale Dio ti vede, Pancotti no!